Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.
Anteprime 1

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti.

Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Dopo circa dieci minuti a Londra ho presi a pugni in faccia un tizio e ho incontrato Charles Dickens. E' il 1868 ed io sono un gemello di nome Evie Frye. Per quanto posso dire, si tratta del titolo più innovativo della serie. Per motivi di urgenza spiegati in un filmato, Evie e suo fratello Jacob sono venuti a Whitechapel per sconfiggere delle famigerate bancde criminali di Londra.

Non passa molto tempo prima che ci si ritrovi a inseguire dei piccoli fuggiaschi attraverso strette vie, salendo goffamente lungo i lati di edifici di epoca vittoriana. Ho giocato a questo titolo su una PS4, durante le mie due ore di sessione di gioco, quindi non posso commentare su come sarà il gioco per PC. Oltre a completare delle missioni, ho speso la maggior parte del mio tempo a cavalcioni sul retro di un treno oppure su un carretto trainato da un cavallo. Quest'ultimo funziona abbastanza bene, ma non è certo inebriante come le navi dei pirati di Black Flag, anche se la mossa ad "ariete" è esilarante ed efficace. E' molto facile demolire i veicoli attraverso il pesante traffico di Syndicate, ma questo non vuol dire che lo si debba fare. Oh, e c'è un pulsante di spinta. Questo è buono.

A giudicare da come il titolo è strutturato, una buona fetta di Syndicate consisterà nel colpire delle consolidate organizzazioni criminali di Londra. I ragazzi a Whitechapel erano delle mezze calzette (ho spinto il capo fuori da una carrozza del treno), ma la sequenza è servita per dimostrare tutte le cose che si possono fare in Syndicate. Il vostro ruolo si addice per essere leader di una gang, sarete in grado di reclutare persone nella vostra banda e salire di livello. Uno sguardo al percorso di progressione rivela che sarete in grado di sganciare delle tangenti alla polizia, e ad avere la vostra banda in grado di utilizzare armi potenti in giro per Londra, al fine di abbatterle tatticamente sulle teste dei vostri nemici. E' anche possibile chiamare in battaglia i componenti della gang, e la progressione determina quanto essi siano forti ed in quale numero arriveranno.

 

Il gameplay momento per momento non è cambiato molto. Evie è probabilmente il più subdolo dei due gemelli. A un certo punto ha il compito di salvare un gruppo di bambini lavoratori da una fabbrica a Whitechapel, e per quanto r riguarda le sequenze furtive tipiche di Assassin's Creed, esse sono decenti: ci sono diversi modi per entrare in azione, e teoricamente si può diventare dei fantasmi, ma ho usato la classica strategia di entrare in silenzio ed uscire in maniera spettacolare.

Vorrei che Assassin's Creed fosse stato così per tutto il tempo. Marcare con attenzione i nemici, monitorando i loro modelli, per poi pianificare un attacco è un piacere durevole e semplice nei videogiochi. Per quanto riguarda il combattimento, non è il massimo: funzionalmente non c'è nulla di sbagliato, manca solo di grazia e d'impatto. Attaccare, stordire e contrastare è facile da fare, ma spesso avrete una mezza dozzina di nemici in una volta sola che vi vogliono eliminare e, be', Evie non è Batman. Suppongo che il lato positivo di tutto ciò è che Assassin's Creed sia un gioco stealth.

Nel frattempo, il parkour non si sente ancora perfetto, ma il fatto è che non so come qualsiasi studio di Ubisoft possa andare alla risoluzione che la produzione richiede, al ritmo attuale. Evie e Jacob sono molto agili, per il loro bene, e mentre il passaggio dall'arrampicata al volteggio verso il basso è teoricamente semplice, nel calore di un lungo inseguimento non è semplice, e ve lo dice qualcuno che ha giocato ad almeno una mezza dozzina di giochi Assassin's Creed. Ci sono dei miglioramenti, rispetto ad Unity, come il non salire attraverso una finestra a meno che non si prema il pulsante specifico per farlo, ma questo sistema ha bisogno di una rielaborazione totale. Al momento è solo soddisfacente.

 

 

Il grande problema con Assassin's Creed Syndicate è solo che non è molto eccitante. Londra è squallida e bella, ma non è molto interattiva. Volevo dare una moneta ad alcuni bambini che chiedevano l'elemosina, ma non ho potuto. Volevo parlare con un commesso in un negozio, ma non ho potuto. La Londra vittoriana non è come la Costantinopoli del 15° secolo o la Roma del 16° secolo, ma l'enorme quantità di contenuti e le dimensioni di ogni gioco di Assassin's Creed stanno lentamente erodendo il senso d'identità della serie. L'eccitazione di quando si entrava nella Boston del 18° secolo o nella Parigi della rivoluzione francese è assente.

Siamo a Londra, ma che importa? Non si sente funzionalmente diversa dalle altre centinaia di ore che ho trascorso in questo universo. Una nuova città, un rampino, due protagonisti, qualche carro e cavalli, semplicemente, non sono sufficienti, e forse non sono le nuove funzionalità di cui ha bisogno Assassin's Creed. Forse c'è solo bisogno di tempo.

Assassin's Creed Syndicate ha il potenziale per essere divertente. Ha il potenziale per raccontare una grande storia, la dinamica fra Evie e Jacob è molto divertente, ed il tono generale del gioco sembra mirare allo stile di Guy Ritchie nel 1800, piuttosto che alla gravità vista l'anno scorso in UNity. Credo sinceramente che Syndicate sarà un gioco decente, ma penso che la squadra che ha lavorato su di esso meriti di più. Credo che questa serie abbia bisogno di un periodo di riposo. Penso che Ubisoft abbia bisogno di appianare i problemi con il parkour ed il combattimento che continuano, e solo... sai, rallentare un po'. Non sprecare un'altra città.

Fonte: pcgamer.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Condividi questa pagina di Game Community Social

Share

Submit to DiggSubmit to StumbleuponSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento. Visitando questo sito acconsento all'utilizzo dei cookie.