Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.
News Videogiochi 2

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti.

Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Se avete seguito il percorso di Tom Clancy's The Division, da quando è stato rivelato all'E3 2013, saprete che il gioco ha subito un lungo ciclo di pre-lancio. Finalmente, all'E3 2015, è stata annunciata una data di uscita, rendendo la prossima fermata non un quarto E3 consecutivo, ma il lancio dell'8 marzo 2016.

Quando i giocatori entreranno in Tom Clancy's The Division, inizieranno ai margini del mondo di gioco, ed avranno il compito di riconquistare una New York caduta di recente. La premessa di Tom Clancy's The Division suona come potrebbe essere una fine dello scenario mondiale, come ha detto a Examiner.com Fredrik Rundqvist di Ubisoft: "Potrebbe essere".

I giocatori di New York City viaggeranno attraverso di essa in assenza dei servizi di base come l'elettricità, che va e viene. Mentre i giocatori progrediranno per "riprendersi" la città, Ubisoft dice che vedranno cose non certo belle. Lo sviluppatore non ha limitato l'accesso alla città all'inizio del gioco, anche se man mano che si attraverseranno diverse parti di New York, si sarà accolti da una quantità superiore di qualificati nemici. Rundqvist ha affermato: "Penso che sia super importante non avere una progressione a 'cancelli' "

 

A New York c'è stata un'epidemia di un virus molto letale, e di conseguenza ci sono state innumerevoli vittime. Come abbiamo sentito chiedere dai lettori e dalle persone che volevano sapere, come mai non ci sono cadaveri nelle zone di gioco che sono state mostrate? E' una domanda raccapricciante, ma valida quando si considera la trama. Rundqvist ha detto: "Come sapete, Manhattan ha la più grande agenzia di smaltimento dei rifiuti di tutto il mondo. Questa porta qualcosa come 18 tonnellate [di spazzatura] al giorno al largo dell'isola. Non nel gioco, ma in passato è stata usata tale infrastruttura per aiutare a portare i corpi fuori città. Quando ci si muove nel gioco, come nella zona di Bryant Park, dietro alla biblioteca pubblica c'è una delle aree in cui si trovava il CERA, che diventa FEMA nel nostro gioco, che ha scavato le fosse comuni. Vedrete bulldozer e grandi camion vicino ad una fossa comune nel parco."

Le persone che sono desiderose di giocare a Tom Clancy's The Division da sole, dovrebbero sapere che non ci sarà una "modalità campagna offline per single player", dal momento che il gioco è costruito per il co-op ed il PvP. Rundqvist ha detto che l'IA del gioco varierà in base alla quantità di giocatori presenti in un gruppo. I giochi open-world di Ubisoft tendono ad avere alcune similitudini che possono essere riconosciute in moltri altri titoli open-world. Alcuni punti di vista sono utilizzati in diversi ma simili modi in Assassin's Creed, Far Cry e, più recentemente, Watch Dogs.

Rundqvist ha detto: "Penso che abbiamo delle novità in fatto di giochi open-world. Cosa offriamo nella Zona Oscura è completamente unico rispetto a tutti gli altri giochi, non solo di Ubisoft. Nel mondo aperto, però, ci sono alcune familiarità con qualsiasi gioco open-world. C'è l'esplorazione, le missioni principali e secondarie, ed altre attività open-world. Troverete che alcune di queste vi saranno familiari se avete giocato ad altri giochi RPG in passato, come le componenti del crafting."

Abbiamo visto un esempio di come il bottino influenzerà il processo decisionale nella Zona Oscura, ma Ubisoft ha detto che se i giocatori portano il bottino nella Zona Oscura, non lo si può tenere, mentre si è lì. Solo il bottino che viene prelevato all'interno della Zona Oscura è disponibile, prima dell'estrazione. Quando si parla di IA e bottino, essi sono correlati in base alle loro caratteristiche. Rundqvist ha detto: "A seconda del livello del nemico, si troverà un bottino diverso con differenti statistiche. Ovviamente, un nemico più ostico significa una pistola migliore." Ha continuato dicendo che le armi possono essere modificate, anche se il tipo di pistola influenzerà il livello di modifica che si potrà effettuare.

Il team di sviluppo ha lavorato per un lungo periodo di tempo su Tom Clancy's The Division. Dopo anni di lavoro a questo titolo open-world e RPG, si potrà finalmente vedere il risultato l'8 marzo. The Division sarà disponibile per PS4, Xbox One e PC.

Fonte: examiner.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Cortesemente, effettua il login o registrati per postare commenti.

Condividi questa pagina di Game Community Social

Share

Submit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento. Visitando questo sito acconsento all'utilizzo dei cookie.