Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.
PC

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti.

Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Come Adam Jensen, un transumanista privo di senso dell'umorismo, cammini per la stazione di Praga sotto un bellissimo Sole. Immaginate che un gioco come Deus Ex non sia impostato per girare durante un eclissi solare dell'apparente durata di un mese. Già la differenza fra Mankind Divided ed il suo predecessore, be', è fra il giorno e la notte. Non per niente il suo nuovo motore grafico dovrebbe chiamarsi Dawn.

L'anno è il 2029, e le tensioni fra esseri umani ed esseri umani con parti robotiche si sono intensificate, in una completa apartheid meccanica. Chiunque abbia dei potenziamenti cibernetici affronta la discriminazione, la violenza e, potenzialmente, dei sentimenti feriti. Jensen è ora un agente segreto internazionale di una task force anti-terrorismo, ma si sospetta che gli Illuminati tirino segretamente le fila, perché è tipico di loro, e lui è a Praga per indagare. Ecco dove è ambientata la maggior parte di Mankind Divided.

 

Nella demo che abbiamo visto c'è un interessante incontro fra due pedoni. Un uomo urta accidentalmente una signora e si scusa, ma dopo aver visto la sua testa con dei microchip, il suo atteggiamento cambia immediatamente. Questo fatto mi ha colpito, per via del tipo d società che si ha in Deus Ex. "Mi dispiace signore, lei sembra un cyborg impressionante che può saltare molto in alto, temo che lei debba sedersi nella parte posteriore del bus."

Tuttavia, due anni dopo l'incidente di agosto di Human Revolution, in cui erano stati hackerati i biochip inviati alle persone, è aumentata in tutto il mondo la rabbia, e tutti sono comprensibilmente sull'orlo. Non appena Jensen supera una guardia scontrosa con un equipaggiamento protettivo che gli copre tutto il volto, i terroristi iniziano un attacco a sorpresa. Quando la polvere si deposita, si guida Jensen per cercare l'uomo responsabile, Talos Rucker.

Il nascondiglio di Rucker è l'Augmented Right Coalition, dove Jensen ha l'opportunità di flettere in combattimento i suoi muscoli. Ed è grande. Monitor in frantumi, palottole che attraversano strati di lamiera, tempo rallentato con la modalità di messa a fuoco, atterramenti e teste rotte, personalizzazioni del suo fucile al volo con silenziatori e proiettili perforanti, granate EMP lanciate per friggere torrette. E' Bioshock, Crysis e Dishonored, tutto in uno.

 

 

Chiedo al direttore del gioco Jean-François Dugas come Eidos Montreal abbia migliorato il combattimento. "E' stato reso molto più viscerale. Ci sono reazioni ambientali, un migliore sistema di controllo per promuovere l'uso dei potenziamenti in tutte le circostanze, potenziamenti migliori per l'approccio in combattimento, e nemici che usano più potenziamenti per aggiungere tensione." Per Dugas, Mankind Divided è un gioco che "cambia le probabilità sul campo di battaglia". So che non mi sentirò in colpa quando avrò mezzo accoltellato un uomo con la mia punta a scomparsa del gomito, quando lui starà cercando di fare lo stesso con me.

Il combattimento è più vitale di prima. "Ci saranno più munizioni da trovare negli ambienti, i giocatori stealth non avranno più XP dei giocatori da combattimento, migliori potenziamenti per le battaglie, un sistema di controllo più reattivo e fluido." Rispetto ai passati giochi Deus Ex, che cadevano sulle sparatorie, come in Human Revolution, in Mankind Divided queste saranno un punto di forza. E' possibile optare, ovviamente, per metodi meno violenti. Jensen si rende invisibile, sgattaiolando e superando le persone, chiacchierando casualmente davanti ad una caffetteria, prima di distruggere una presa d'aria e strisciare attraverso uno sfiato. Per superare un corridoio in modo rapido e silenzioso, usa il braccio tesla-elettrico, agganciando cinque obiettivi e sparando loro per paralizzarli. I giocatori possono manipolare lo scenario con l'hacking a distanza, controllare droni. Fondamentalmente, però, Mankind Divided non rende un metodo più vantaggioso rispetto ad un altro.

Ho subito notato che sono stati migliorati i modelli dei personaggi, e si tratta di un cambiamento non solo puramente visivo, ma anche per quanto riguarda l'espressione delle emozioni - un grande aiuto durante gli interrogatori. "Noi ora usiamo il mo-cap facciale per i protagonisti, a differenza di Deus Ex: Human Revolution", dice Dugas. "Per le conversazioni più standard, abbiamo anche migliorato il nostro modo di lavorare con FaceFX, che ci permette di raggiungere risultati più soddisfacenti." Mi odio per l'utilizzo di un cliché, ma onestamente sembrano dei filmati.

In Deus Ex: Mankind Divided sembra che non ci sia un anello debole. Con i quattro pilastri di combattimento, stealth, hacking ed elementi sociali più equilibrati rispetto a prima, tutti ugualmente piacevoli, il futuro di questo gioco pare che andrà bene.

Fonte: gamesradar.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Condividi questa pagina di Game Community Social

Share

Submit to DiggSubmit to StumbleuponSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento. Visitando questo sito acconsento all'utilizzo dei cookie.