Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.
XBOX

"In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli." Matteo 18, 3

In Internet si può trovare un buon numero di siti web per "videogiocatori cristiani". Le forme e le modalità con cui appassionati di videogiochi non disdegnano di proclamare la loro fede sono molteplici; in questi siti, talvolta, sono presenti anche dei forum. Se qualcuno di voi, però, provasse a fare una ricerca, noterebbe che quasi tutti sono in lingua inglese. Per quanto riguarda il panorama videoludico italiano, infatti, ben pochi giocatori amano definirsi pubblicamente "Cristiani". Anzi, la maggior parte dei "profili" di un buon numero di appassionati di videogiochi, si compiace di tematiche appartenenti al "lato oscuro", con simboli, frasi, citazioni, modi d'esprimersi, etc. Questo è sotto gli occhi di tutti.

Perché, dunque, un giocatore non può essere felice di dirsi "Cristiano"? Game Community tenterà di fare qualcosa in merito, nel suo piccolo. È infatti in preparazione il sito GC = Gesù Cristo, che sarà un social network per videogiocatori Cristiani. Gesù è il Signore! Lode e gloria a Te, Signore Gesù!

 

Forza Motorsport 6 è il gioco di corse più bello e completo di questa generazione. Se non avete avuto la possibilità di giocare a questo gioco, ora è un grande momento per saltare nella corsa con i fan di tutto il mondo. Il Logitech G Car Pack è il recente pacchetto aggiuntivo per Forza Motorsport 6. Ci sono sette incredibili automobili che hanno avuto ciascuna il proprio posto nella storia dell'automobilismo sportivo, ora su Xbox One.

 

1) 2013 - Caparo T1

A colpo d'occhio, la Caparo T1 sembra spaziale, pare che possa saltare nell'atmosfera da un momento all'altro. Se non fosse per le sue molteplici ale e lamine che creano deportanza, la T1 potrebbe certamente prendere il volo. Il motore V8 turbo da 3.5 litri arriva fino a 10.500 giri al minuto, si potrebbe pensare che sia quasi l'urlo di un motore a turbina da Formula Uno, infatti la T1 non è lontana dalle vetture di F1. Sotto la sottile carrozzaria in fibra di carbonio, il capolavoro di Caparo è a dir poco una macchina da corsa a ruote scoperte con un posto aggiuntivo. La T1 è stata progettata da due ingegneri che hanno fortemente contribuito allo sviluppo della McLaren F1. Il loro obiettivo era quello di costruire una vettura di Formula Uno che potesse essere guidata per strada, ma la Caparo T1 è a suo agio su qualsiasi pista.

2) 1939 - Mercedes-Benz W154

La storia della Mercedes-Benz ha visto delle auto da corse denominate "Silver Arrows", che correvano prima della guerra, come la W154, la cui carrozzeria in alluminio viaggiava come un lampo lungo i circuiti europei. Quello fu un periodo di grandi corse, con il "Rainmaster" Rudolf Caracciola, che guidò una delle W154. Questa vettura è stata il prodotto di un cambiamento delle regole del Campionato Europeo, che escluse le auto con un motore sopra i 3,0 litri con compressore. Piuttosto che costruire un nuovo motore, Mercedes costruì una nuova macchina: la W154. Il 1939 è stato il secondo anno per la W154, che aveva un compressore a due stadi per il suo motore a 12 cilindri, che raggiungeva i 475 CV. Nel corso del 1939, le tre e talvolta quattro W154 qualificate 1-2-3, portarono a casa numerosi Grand Prix vinti.

3) 1994 - Nissan # 75 Cunningham Racing 300ZX

La IMSA ha vietato il turbo dopo la stagione del 1994, quindi la 300ZX è l'ultima della serie turbocompressa da corsa Nissan. Steve Millen ha guidato la # 75 alla vittoria nel corso della stagione 1994, meno di un anno dopo che ebbe quasi perso la vita in un incidente a Watkins Glen. La prodezza di Millen al volante, in combinazione con il trattamento incredibile e la potenza della 300ZX, ha reso il duo un'arma formidabile. Non ci sono molte cose su misura, nella produzione della 300ZX, ma i fanali posteriori, le teste altamente modificate e il blocco (pressofuso in alluminio anziché in ferro) ci sono. Dopo aver vinto la 24 Ore di Daytona, poi a Sebring, il team di gara Cunningham ha portato la # 75 e la # 76 a Le Mans, dove hanno vinto nella loro classe, ma non sono state in grado di rivendicare del tutto la vittoria a causa di problemi meccanici che sono stati risolti in buca Lane. Millen si ritirò dopo la stagione seguente, a seguito di un altro incidente quasi mortale. Ha poi ricostruito meticolosamente quanto riguarda la # 75 e le gare in questi giorni, in occasione di eventi come gli Historics Monterrey.

4) 2014 - Toyota # 12 Rebellion Racing R-One

Il team svizzero Rebellion Racing ha dimostrato che un corsaro può competere con le grandi squadre di fabbrica. Oltre ad aver vinto la maggior parte delle gare nella classe corsaro 2014 Le Mans Prototype (LMP), Rebellion Racing è arrivata fino alla alla 24 Ore di Le Mans. Le Racing Prototype sono il livello più alto di gare automobilistiche. Ancora una volta, la # 12 e il team Rebellion Racing hanno dimostrato di avere quello che serve per correre con i migliori prototipi e racing team in tutto il mondo.

5) 1967 - Honda RA300

Soprannominata la "hondola" dalla stampa che si occupava degli sport motoristici, per via della collaborazione fra Honda e Lola Eric Broadley, questa antichità da corsa occupa un posto unico nella storia degli sport motoristici. La RA300 vinse la sua prima gara di Formula Uno al Gran Premio Italiano nel 1967, e lo fece in un modo curioso. Guidata da John Surtees, la RA300 tenne il terzo posto per tutta la gara. All'ultimo giro, il leader della corsa Jim Clark era a corto di carburante e Jack Braham, secondo, andò fuori pista, lasciandosi superare da Surtees. Quel giro portò l'unica vittoria alla RA300 e l'unica che avrebbe mai potuto ottenere. L'accensione della macchina azionava un motore appositamente progettato, a 48 valvole V12, che poteva tirare fuori una potenza di 400 CV. La RA300 ha avuto un breve successo nella storia delle corse, ma la sua bellezza è senza tempo.

6) 1967 - Volvo 123GT

Volvo può essere più rinomata per la sua sicurezza e affidabilità, ma questo marchio immerse anche il piede nella piscina degli sport motoristici. Le corse 122, note come "amazzoni" nella patria di Svezia, videro la 123GT portare delle vittorie di classe a casa, nelle gare di auto da turismo al 'Ring e Brands Hatch ed il primo posto in una ventina di campionati superiori di raduno dell'epoca. La 123GT ha capitalizzato su questa eredità ed ha portato le prestazioni al modello di produzione. Anche se erano in programma più di 5.000 modelli, ne vennero costruiti solo circa 1.500. Nella 123GT si può trovare un motore a quattro cilindri in linea ad alta compressione, con doppio carburatore SU, che offrono circa 115 CV. Per tenere a freno la potenza supplementare, la GT123 ha freni anteriori a disco ed una sospensione rigida. Volvo non ha lesinato sul corredo: sedili, antinebbia, luci di guida, un grande contagiri ed un sacco di assetto personalizzato rendono il modello clamoroso.

7) 2013 - Cadillac XTS Limousine

Un aspetto importante della Cadillac XTS Limousine è la sua lunghezza. Quando si è dei VIP, si ha bisogno di una limousine, ed è qui che questa vettura entra in gioco. L'interno è lussuoso e si può guardare un film, mentre Jeeves fa salire di pochi giri il motore. Con 300 CV nella versione standard (non dimenticando che è possibile aggiornare questa vettura con un motore NASCAR), se la cava. Se volete praticare le vostre abilità in curva, la limousine vi darà una nuova prospettiva per guardare dietro di voi. In poche parole, si tratta di un massiccio pezzo di fantasia, che non ha attività in pista. Una ragione in più per provarla in Forza Motorsport 6, diciamo.

Fonte: news.xbox.com

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Condividi questa pagina di Game Community Social

Share

Submit to DiggSubmit to StumbleuponSubmit to LinkedIn

Questo sito utilizza i cookie per il suo funzionamento. Visitando questo sito acconsento all'utilizzo dei cookie.